top of page

Whisk(e)y, let's talk about it.

Public·8 members

Petrarca A Qualunque Animale Alberga In Terra Extra Quality



Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta) Francesco PetrarcaXIV secoloCC BY-SA 3.0GFDL//it.wikisource.org/w/index.php?title=Canzoniere_(Rerum_vulgarium_fragmenta)/A_qualunque_animale_alberga_in_terra&oldid=-20130711192844//it.wikisource.org/w/index.php?title=Canzoniere_(Rerum_vulgarium_fragmenta)/A_qualunque_animale_alberga_in_terra&oldid=-20130711192844




petrarca a qualunque animale alberga in terra


Download File: https://www.google.com/url?q=https%3A%2F%2Ftinourl.com%2F2tRGeZ&sa=D&sntz=1&usg=AOvVaw05nj1cb0JUzablwoM_rihY



SESTINA_A qualunque animale alberga in terra._NIGHT BRINGS HIM NO REST. HE IS THE PREY OF DESPAIR. To every animal that dwells on earth, Except to those which have in hate the sun, Their time of labour is while lasts the day; But when high heaven relumes its thousand stars, This seeks his hut, and that its native wood, Each finds repose, at least until the dawn. But I, when fresh and fair begins the dawn To chase the lingering shades that cloak'd the earth, Wakening the animals in every wood, No truce to sorrow find while rolls the sun; And, when again I see the glistening stars, Still wander, weeping, wishing for the day. When sober evening chases the bright day, And this our darkness makes for others dawn, Pensive I look upon the cruel stars Which framed me of such pliant passionate earth, And curse the day that e'er I saw the sun, Which makes me native seem of wildest wood. And yet methinks was ne'er in any wood, So wild a denizen, by night or day, As she whom thus I blame in shade and sun: Me night's first sleep o'ercomes not, nor the dawn, For though in mortal coil I tread the earth, My firm and fond desire is from the stars. Ere up to you I turn, O lustrous stars, Or downwards in love's labyrinthine wood, Leaving my fleshly frame in mouldering earth, Could I but pity find in her, one day Would many years redeem, and to the dawn With bliss enrich me from the setting sun! Oh! might I be with her where sinks the sun, No other eyes upon us but the stars, Alone, one sweet night, ended by no dawn, Nor she again transfigured in green wood, To cheat my clasping arms, as on the day, When Phoebus vainly follow'd her on earth. I shall lie low in earth, in crumbling wood. And clustering stars shall gem the noon of day, Ere on so sweet a dawn shall rise that sun. MACGREGOR. Each creature on whose wakeful eyes The bright sun pours his golden fire, By day a destined toil pursues; And, when heaven's lamps illume the skies, All to some haunt for rest retire, Till a fresh dawn that toil renews. But I, when a new morn doth rise, Chasing from earth its murky shades, While ring the forests with delight, Find no remission of my sighs; And, soon as night her mantle spreads, I weep, and wish returning light Again when eve bids day retreat, O'er other climes to dart its rays; Pensive those cruel stars I view, Which influence thus my amorous fate; And imprecate that beauty's blaze, Which o'er my form such wildness threw. No forest surely in its glooms Nurtures a savage so unkind As she who bids these sorrows flow: Me, nor the dawn nor sleep o'ercomes; For, though of mortal mould, my mind Feels more than passion's mortal glow. Ere up to you, bright orbs, I fly, Or to Love's bower speed down my way, While here my mouldering limbs remain; Let me her pity once espy; Thus, rich in bliss, one little day Shall recompense whole years of pain. Be Laura mine at set of sun; Let heaven's fires only mark our loves, And the day ne'er its light renew; My fond embrace may she not shun; Nor Phoebus-like, through laurel groves, May I a nymph transform'd pursue! But I shall cast this mortal veil on earth, And stars shall gild the noon, ere such bright scenes have birth.NOTT.


A qualunque animale alberga in terra,se non se alquanti ch'ànno in odio il sole,tempo da travagliare è quanto è 'l giorno;ma poi che 'l ciel accende le sue stelle,qual torna a casa et qual s'anida in selvaper aver posa almeno infin a l'alba.


autografo sec. XIVNote datazione Probabilmente anni 1363-66Luogo di copia Toscanamembr.I-II e V cart.ff. I - VI + 79 + II', numerazione antica (forse sec. XVII) 1-79 eseguita in sostituzione di una precedente numerazione quasi scomparsa per rifilatura o svanimento d'inchiostro, che presuppone però l'asportazione di tre carte ritagliate fra la 32 e la 33, e con ripetizione del n. 48, dunque cancellata e rinumerata modernamente (sec. XIX) da 49 a 81 fino a tutto il f. II' (dal f. 50 fino al f. 81 la numerazione è stata recentemente ripetuta a lapis nell'angolo inferiore destro); i ff. I-V hanno numerazione recente a lapis a-e, e la VI ha numerazione I. Segue numerazione cinquecentesca a pagine, leggibile solo nel verso 18-72 (corrispondente a ff. 1v-28v della numerazione di riferimento: Vita di Dante e Vita Nova) e 2-8 (ff. 29v-32v: Donna me prega col commento garbiano), da cui si evidenzia un diverso ordinamento delle sezioni; fascicoli I - III (4), IV (4ff.), V (4-3), VI (5ff.), VII - XI (4), XII (1f., palins. sul r), con richiami regolari fra i quaderni, salvo che dopo il f. 28: asportazione di 3 carte (forse bianche) fra i ff. 32 e 33 della numerazione di riferimentodimensioni: 266-69 x 182-86disposizione del testo: versi trascritti a mo' di prosa, tranne che al f. 6r (epitaffio del virgiliano in morte di Dante trascritto entro la Vita), e 29r-32v (Donna me prega di Guido Cavalcanti, il cui testo è trascritto al centro della pagina con le glosse di commento diposte tutto attorno in due colonne ai lati), 34r (Carme Ytaliae iam certus honos)scritture e mani u; note generali sulla scrittura: una sola mano 'u' identificabile con quella di Giovanni BoccaccioLingua copisti italianoArea dialettale u ToscanoIniziali: iniziale in oro e colori (con l'aggiunta più tarda di fregio e stemma a piè di pagina) a c. 1r, le successive, all'inizio di ogni sezione, più alte e con fregi bicolori rosso e blu; le altre, ad inizio componimento, più piccole, alternate rosse e blu con fregi del colore contrariorubricato Colophon A f. e r. di mano di Fabio Chigi: Lassato p(er) legato a Papa Alessandro VII dal Conte federigo Ubaldino, ch(e) l'acquistò da Parigi, oue l'haueua portato seco Jacobo Corbinelli Fiorentino, autore delle postille moderne, e come fuoriuscito era andato in Francia a ricouerarsi dalla Regina Caterina de' MediciStemmaNomi Iohannes Boccaccius, autografo diPrecedenti segnature 1279Storia del manoscritto Come si evince dal colophon, il manoscritto venne anticamente posseduto da Iacopo Corbinelli, a cui risalgono buona parte delle postille e chiose più tarde; dal Conte Federigo Ubaldini e da Fabio ChigiA la dolce ombra de le belle frondi (1), Francesco Petrarca, f. 68vA pie' de' colli ove la bella vesta (1), Francesco Petrarca, f. 44rA qualunque animale alberga in terra, Francesco Petrarca, ff. 45v-46rAhi bella libertà come tu m' ài, Francesco Petrarca, ff. 59v-60rAl poco giorno ed al gran cerchio d'ombra, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 38rAlma felice che sovente torni, Francesco Petrarca, f. 76vAmor che meco al buon tempo ti stavi, Francesco Petrarca, f. 79rAmor che movi tua vertù dal cielo, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 37rAmor che nel penser mio vive et regna, Francesco Petrarca, f. 68rAmor che nella mente mi ragiona (2), Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 35r-36rAmor che vedi ogni pensero aperto, Francesco Petrarca, f. 70vAmor con sue promesse lusingando, Francesco Petrarca, f. 57vAmor, da che convien pur ch'io mi doglia, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 42v-43rAmor et io sì pien' di meraviglia, Francesco Petrarca, f. 70rAmor m'à posto come segno a strale, Francesco Petrarca, f. 67rAmor mi sprona in un tempo et affrena, Francesco Petrarca, f. 71vAmor Natura et la bella alma humile, Francesco Petrarca, f. 71vAmor piangeva et io con lui talvolta, Francesco Petrarca, f. 47rAmor se vuo' ch' i' torni al giogo anticho, Francesco Petrarca, ff. 74v-75vAmor, tu vedi ben che questa donna, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 38r-vAmor, Fortuna et la mia mente schiva, Francesco Petrarca, f. 63vApollo s' anchor vive il bel desio, Francesco Petrarca, f. 49vAspro core et selvaggio et cruda voglia, Francesco Petrarca, f. 73vAventuroso più d'altro terreno (1), Francesco Petrarca, f. 61vBen sapeva io che natural consiglio, Francesco Petrarca, f. 55rBenedetto sia 'l giorno e 'l mese et l' anno, Francesco Petrarca, f. 54rCesare poi che 'l traditor d'Egitto, Francesco Petrarca, f. 60vChe debb' io far? che mi consigli Amore (1), Francesco Petrarca, f. 74r-vChe fai alma che pensi avrem mai pace (1), Francesco Petrarca, f. 69r-vChe fai che pensi che pur dietro guardi, Francesco Petrarca, f. 75vChi è fermato di menar sua vita (1), Francesco Petrarca, ff. 57v-58rChiare fresche et dolci acque, Francesco Petrarca, f. 64r-vCome 'l candido pie' per l' erba fresca, Francesco Petrarca, f. 70vCome talora al caldo tempo sòle, Francesco Petrarca, f. 68rCosì nel mio parlar vogli'esser aspro, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 34v-35rCosì potess' io ben chiudere in versi, Francesco Petrarca, f. 59vDatemi pace o duri miei pensieri (1), Francesco Petrarca, ff. 75v-76rDe l'empia Babilonia ond'è fuggita (1), Francesco Petrarca, f. 62rDel mar Tirreno a la sinistra riva, Francesco Petrarca, f. 54vDi pensier in pensier di monte in monte (1), Francesco Petrarca, f. 66r-vDi tempo in tempo mi si fa men dura, Francesco Petrarca, f. 69rDicesette anni à già rivolto il cielo, Francesco Petrarca, f. 63vDiscolorato ài Morte il più bel volto, Francesco Petrarca, f. 76vDoglia mi reca nello core ardire, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 41v-42vDonna me prega, - per ch'eo voglio dire, Guido Cavalcanti sec. XIII seconda metà, ff. 29r-32vDonna mi vene spesso nella mente, Francesco Petrarca, f. 63vDue gran nemiche inseme erano agiunte, Francesco Petrarca, f. 78r-vE' m'incresce di me sì duramente, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 39r-40rEra il giorno ch' al sol si scoloraro, Francesco Petrarca, f. 43vErano i capei d'oro a l'aura sparsi (1), Francesco Petrarca, f. 59rFiamma dal ciel su le tue treccie piova (1), Francesco Petrarca, f. 67vFontana di dolore albergo d' ira, Francesco Petrarca, f. 68rFuggendo la pregione ove Amor m' ebbe, Francesco Petrarca, f. 59rGentil mia donna i' veggio, Francesco Petrarca, f. 56r-vGià fiammeggiava l' amorosa stella (1), Francesco Petrarca, f. 49r-vGiovene donna sotto un verde lauro, Francesco Petrarca, ff. 48v-49rGiunto m' à Amor fra belle et crude braccia, Francesco Petrarca, f. 71rGli occhi di ch' io parlai sì caldamente (1), Francesco Petrarca, f. 77vGlorïosa columna in cui s' appoggia, Francesco Petrarca, f. 44vI begli occhi ond' i' fui percosso in guisa, Francesco Petrarca, f. 57r-vI' mi soglio accusare et or mi scuso, Francesco Petrarca, f. 78rI' ò pien di sospir' quest' aere tutto, Francesco Petrarca, f. 77r-vI' vidi in terra angelici costumi, Francesco Petrarca, f. 70rI' vo pensando et nel penser m' assale, Francesco Petrarca, f. 73r-vIl figliuol di Latona avea già nove, Francesco Petrarca, f. 51rIl mio adversario in cui veder solete, Francesco Petrarca, f. 51rIl successor di Karlo che la chioma, Francesco Petrarca, f. 47vIn mezzo di duo amanti honesta altera, Francesco Petrarca, f. 62rIn qual parte del ciel in quale ydea, Francesco Petrarca, f. 70rIn quella parte dove Amor mi sprona, Francesco Petrarca, ff. 64v-65rIo amai sempre et amo forte anchora, Francesco Petrarca, f. 58vIo avrò sempre in odio la fenestra (1), Francesco Petrarca, f. 58vIo canterei d' amor sì novamente (1), Francesco Petrarca, f. 66vIo mi rivolgo indietro a ciascun passo (1), Francesco Petrarca, f. 45rIo non fu' d' amar voi lassato unquancho, Francesco Petrarca, f. 58rIo sentia dentr' al cor già venir meno, Francesco Petrarca, f. 51vIo sento sì d'Amor la gran possanza, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 37r-38rIo son de l' aspectar omai sì vinto, Francesco Petrarca, f. 59vIo son già stanco di pensar sì come (1), Francesco Petrarca, f. 57rIo son sì stanco sotto 'l fascio antico (1), Francesco Petrarca, f. 58rIo son venuto al punto della rota, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 38v-39rIo temo sì de' begli occhi l' assalto, Francesco Petrarca, f. 50vItalia mia benché 'l parlar sia indarno, Francesco Petrarca, ff. 65r-66rIte caldi sospiri al freddo core, Francesco Petrarca, f. 69vL' aere gravato et l' importuna nebbia, Francesco Petrarca, f. 54vL' alma mia fiamma oltra le belle bella (1), Francesco Petrarca, f. 77vL' arbor gentil che forte amai molt' anni, Francesco Petrarca, ff. 53v-54rL' ardente nodo ov' io fui d' ora in hora, Francesco Petrarca, f. 75vL' aspectata vertù che 'n voi fioriva, Francesco Petrarca, f. 60vL' aspetto sacro de la terra vostra (1), Francesco Petrarca, f. 55rL'avara Babilonia à colmo il sacco, Francesco Petrarca, ff. 67v-68rL' oro et le perle e i fior' vermigli e i bianchi, Francesco Petrarca, f. 51r-vLa bella donna che cotanto amavi (1), Francesco Petrarca, f. 59rLa dispietata mente che pur mira, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, ff. 40v-41rLa donna che 'l mio cor nel viso porta, Francesco Petrarca, f. 61vLa gola e 'l somno et l' otïose piume, Francesco Petrarca, f. 44rLa guancia che fu già piangendo stancha, Francesco Petrarca, f. 53vLa vita fugge et non s' arresta una hora, Francesco Petrarca, f. 75vLassare il velo o per sole o per ombra, Francesco Petrarca, f. 44vLasso ben so che dolorose prede (1), Francesco Petrarca, f. 60rLasso che mal accorto fui da prima, Francesco Petrarca, f. 54r-vLasso me ch' i' non so in qual parte pieghi, Francesco Petrarca, f. 55rLasso quante fïate Amor m'assale, Francesco Petrarca, f. 61vLe dolci rime d'amor ch'io solea (2), Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 36r-vLe stelle il cielo et gli elementi a prova, Francesco Petrarca, ff. 69v-70rLevommi il mio penser in parte ov' era (1), Francesco Petrarca, ff. 78v-79rLieti fiori et felici et ben nate herbe, Francesco Petrarca, f. 70vMa poi che 'l dolce riso humile et piano, Francesco Petrarca, f. 51rMai non fui in parte ove sì chiar vedessi, Francesco Petrarca, f. 76vMentre che 'l cor dagli amorosi vermi, Francesco Petrarca, f. 79rMie venture al venir son tarde et pigre, Francesco Petrarca, f. 53vMille fïate o dolce mia guerrera, Francesco Petrarca, f. 45vMille piagge in un giorno et mille rivi, Francesco Petrarca, ff. 71v-72rMirando 'l sol de' begli occhi sereno, Francesco Petrarca, f. 71r-vMovesi il vecchierel canuto et biancho, Francesco Petrarca, f. 45rNé così bello il sol già mai levarsi, Francesco Petrarca, f. 68vNe l' età sua più bella et più fiorita, Francesco Petrarca, f. 76rNe la stagion che 'l ciel rapido inchina (1), Francesco Petrarca, ff. 51v-52rNé mai pietosa madre al caro figlio, Francesco Petrarca, f. 77rNel dolce tempo de la prima etade (1), Francesco Petrarca, ff. 46r-47rNon al suo amante più Dïana piacque, Francesco Petrarca, f. 52r-vNon d' atra et tempestosa onda marina, Francesco Petrarca, f. 69vNon fur ma' Giove et Cesare si mossi, Francesco Petrarca, f. 70rNon Tesin Po Varo Arno Adige et Tebro (1), Francesco Petrarca, f. 69rNon veggio ove scampar mi possa omai (1), Francesco Petrarca, f. 61r-vNova angeletta sovra l' ale accorta (1), Francesco Petrarca, f. 61rO aspectata in ciel beata et bella, Francesco Petrarca, ff. 47v-48rO d' ardente vertute ornata et calda, Francesco Petrarca, f. 69rO Invidia nimica di vertute, Francesco Petrarca, f. 71rO passi sparsi o pensier' vaghi et pronti, Francesco Petrarca, f. 70r-vOcchi miei lassi mentre ch' io vi giro (1), Francesco Petrarca, ff. 44v-45rOcchi miei oscurato è 'l nostro sole (1), Francesco Petrarca, f. 76rOcchi piangete accompagnate il core (1), Francesco Petrarca, f. 58vOimè il bel viso oimè il soave sguardo, Francesco Petrarca, f. 74rOr che 'l ciel et la terra e 'l vento tace, Francesco Petrarca, f. 70vOrso al vostro destrier si pò ben porre, Francesco Petrarca, f. 60rOrso e' non furon mai fiumi né stagni, Francesco Petrarca, f. 50vPace non trovo et non ò da far guerra, Francesco Petrarca, f. 67rPadre del ciel dopo i perduti giorni (1), Francesco Petrarca, f. 54rPassa la nave mia colma d' oblio (1), Francesco Petrarca, f. 72rPer fare una leggiadra sua vendetta, Francesco Petrarca, f. 43vPer mezz' i boschi inhospiti et selvaggi, Francesco Petrarca, f. 71vPer mirar Policleto a prova fiso (1), Francesco Petrarca, f. 57vPerch' al viso d' Amor portava insegna, Francesco Petrarca, f. 53rPerch' io t' abbia guardato di menzogna, Francesco Petrarca, f. 51vPerché la vita è breve (1), Francesco Petrarca, ff. 55v-56rPerché quel che mi trasse ad amar prima, Francesco Petrarca, f. 53vPersequendomi Amor al luogo usato, Francesco Petrarca, f. 61vPiangete donne et con voi pianga Amore, Francesco Petrarca, f. 59r-vPien d' un vago penser che me desvia, Francesco Petrarca, f. 71rPien di quella ineffabile dolcezza (1), Francesco Petrarca, f. 62rPiovonmi amare lagrime dal viso, Francesco Petrarca, f. 45rPiù di me lieta non si vede a terra (1), Francesco Petrarca, f. 47vPiù volte Amor m' avea già detto: Scrivi, Francesco Petrarca, f. 59vPiù volte già dal bel sembiante humano, Francesco Petrarca, f. 71rPoco era ad appressarsi agli occhi miei, Francesco Petrarca, f. 52rPoi che 'l camin m' è chiuso di Mercede, Francesco Petrarca, f. 66vPoi che la vista angelica serena, Francesco Petrarca, f. 76rPoi che mia speme è lunga a venir troppo, Francesco Petrarca, f. 59rPoi che per mio destino (2), Francesco Petrarca, ff. 56v-57rPoi che voi et io più volte abbiam provato, Francesco Petrarca, f. 60rPonmi ove 'l sole occide i fiori et l' erba, Francesco Petrarca, ff. 68v-69rPoscia ch'Amor del tutto m'ha lasciato, Dante Alighieri n. 1265 - m. 1321, f. 40r-vQual più diversa et nova, Francesco Petrarca, f. 67r-vQuand' io mi volgo indietro a mirar gli anni (1), Francesco Petrarca, f. 78vQuand' io son tutto volto in quella parte (1), Francesco Petrarca, f. 45rQuand' io v' odo parlar sì dolcemente, Francesco Petrarca, f. 68vQuand' io veggio dal ciel scender l' Aurora (1), Francesco Petrarca, f. 77vQuando dal proprio sito si rimove, Francesco Petrarca, f. 50vQuando fra l' altre donne ad ora ad ora (1), Francesco Petrarca, f. 44vQuando giugne per gli occhi al cor profondo, Francesco Petrarca, f. 59vQuando giunse a Simon l' alto concetto, Francesco Petrarca, f. 57vQuando io movo i sospiri a chiamar voi, Francesco Petrarca, f. 44rQuando 'l pianeta che distingue l' ore (1), Francesco Petrarca, f. 44r-vQuando 'l voler che con duo sproni ardenti, Francesco Petrarca, f. 69rQuanta invidia io ti porto avara terra, Francesco Petrarca, f. 78vQuante fiate al mio dolce ricetto (1), Francesco Petrarca, f. 76vQuanto più disiose l' ali spando, Francesco Petrarca, f. 68rQuanto più m' avicino al gi


https://soundcloud.com/sigpundisku/nc-studio-v10-free-download-top

https://soundcloud.com/angela-coeur/how-to-download-mrt-crack-260-hot

About

Welkom bij de groep! Je kunt contact leggen met andere leden...
bottom of page